Menu

A+ A A-

ZF apre il terzo centro di Ricerca e Sviluppo in Cina

ZF Friedrichshafen AG sta creando a Guangzhou il terzo centro di Ricerca e Sviluppo orientato al mercato cinese. I rappresentanti dell’azienda e le autorità locali hanno firmato un accordo in base al quale ZF prevede di investire nel nuovo centro di sviluppo circa 90 milioni di €.

Gli altri due centri di sviluppo ZF in Cina, entrambi situati a Shanghai, sono focalizzati rispettivamente sullo incremento della tecnologia di sicurezza attiva e passiva e sui sistemi per le trasmissioni e il telaio. I due centri supportano i clienti di ZF in tutta la regione Asia-Pacifico, nella quale la forte espansione delle tecnologie future, come la guida automatizzata e la mobilità elettrica, ha creato una domanda supplementare di capacità ingegneristiche, che ZF sta affrontando con la creazione di un centro di ricerca e sviluppo a Guangzhou che, secondo le previsioni, sarà operativo entro il 2023 e ospiterà anche una filiale dei centri di ricerca e sviluppo con sede a Shanghai, per servire in modo ottimale i clienti nel sud della Cina.

Il centro di sviluppo di Guangzhou avrà competenze chiave in ingegneria e ricerca e sviluppo e seguirà aspetti come lo sviluppo dei software e le relative tecnologie per la mobilità del futuro. Insieme, i tre centri di ricerca e sviluppo in Cina saranno in grado di offrire ai clienti di ZF soluzioni di sistema complete, che spaziano dal software all'hardware, contribuendo così a una mobilità di nuova generazione pulita, sicura e conveniente. L’insediamento a Guangzhou segue anche l’approccio di ZF di localizzare le attività di ricerca e sviluppo direttamente nel mercato di riferimento e di adattarsi velocemente alle tendenze del settore in termini di elettrificazione, automazione, connettività e servizi di mobilità in Cina.

 

Torna in alto

Gran Prix dei Network

Speciale Motor Show

Contatti Redazione

Il Giornale dell'Aftermarket
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.